Come migliorare la propria concentrazione rapidamente e per sempre

Ci sono persone che si lamentano di non riuscire a fare molte cose durante la loro giornata ed invidiano quelli che riescono a riempire il proprio tempo con molte attività prolifiche. Il vero problema non è la mancanza di tempo, dato che abbiamo tutti giornate di 24 ore, ma di concentrazione. Sapete chi è Peter Shankman? Questo fulgido esempio di creatività è uno dei maggiori esperti mondiali di Public Relations. Ha tenuto conferenze in più di 22 paesi ed è autore di molti libri best-seller, però soffre di ADHD una sindrome che abbassa il livello di attenzione. Sapete quale è la sua prima regola per essere efficente? Abbassare drasticamente il numero di opzioni. Senza rendercene conto tutto intorno a noi ci sono innumerevoli “attrattori” che deflettono l’attenzione dalla nostra attività principale. Smartphone, internet, televisione, libri, riviste, il frigo. Torniamo a Peter Shankman. Nel 2014 a pochi giorni dalla data di consegna concordata con l’editore per il suo ultimo libro Peter non aveva ancora scritto una sola parola.




Consapevole del suo disturbo, per completare rapidamente il suo lavoro, decise di proiettarsi a lavorare nell’unico luogo in cui le uniche due opzioni fossero scrivere o andare in bagno: un volo andata e ritorno New York-Tokyo. In effetti Peter riuscì a scrivere metà libro all’andata e metà al ritorno. Soluzione un pochino estrema ma efficace. Nel nostro piccolo possiamo prendere spunto da questa storiella per puntare a bonificare l’ambiente nel quale svolgiamo la nostra attività da opzioni potenzialmente distraenti e puntare ad arrivare ad una condizione nella quale l’unica opzione sia quella di rimanere focalizzato sul tuo obiettivo. Oltre a eliminare distrazioni ambientali può essere una buona idea tentare di seguire la Strategia del Vuoto come descritta dal suo inventore Raymond Chandler: nel momento in cui senti l’impulso di svolgere un’attività diversa da quella che dovresti completare, decidi deliberatamente di non fare nulla. In sintesi o fai quello che ti sei prefisso di fare(studiare, scrivere, etc) o non fai assolutamente nulla, quindi niente facebook, niente internet, niente di niente. Questa strategia potrebbe funziona molto bene anche con te perché applica il principio di Riduzione delle Opzioni di cui parlavamo prima ma ad un livello mentale. Insomma, meno opzioni intorno a te o nella tua mente hai a disposizione, più alta è la probabilità di mantenere alto il tuo livello di concentrazione. Provare per credere.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *